Stufa a Pellet Senza Canna Fumaria: Come Funziona?

L’installazione di un camino o di una stufa, sia essa a pellet o a legna, prevede sempre la presenza di una canna fumaria: ma per tutte quelle situazioni in cui la canna fumaria non è presente oppure è complessa una sua installazione, non esiste una soluzione alternativa?

In realtà sì, perché sul mercato sono disponibili diversi modelli di stufa a pellet senza canna fumaria, che possono essere installati anche in condizioni in cui non è possibile allacciare la stufa a una canna fumaria. Normalmente questo tipo di stufa viene definita anche stufa a pellet con scarico forzato, in ragione del sistema che viene utilizzato per eliminare i gas di scarico derivati dalla combustione.

Infatti, bisogna subito eliminare un “falso mito”: il fatto che queste siano stufe a pellet senza canna fumaria non significa che nel loro funzionamento non producano gas derivanti dalla combustione, ma solo che, per la particolare tecnologia della stufa, questi gas non necessitano di una canna fumaria per essere emessi verso l’esterno. Infatti, invece di collegare la stufa alla canna fumaria, diventa necessario installare questo tipo di stufa a parete (si intende una parete esterna): alla stufa viene collegato un tubo terminale lungo solo 8 centimetri, che esce all’esterno della parete e termina con un fungo.

Ma in concreto come funziona una stufa a pellet senza canna fumaria? Questo tipo di stufa funziona per un principio di tiraggio forzato, perché i fumi non vengono espulsi naturalmente (per natura il fumo tende a salire verso l’alto), ma tramite un ventilatore elettrico che li convoglia nel terminale e da qui all’esterno dell’abitazione. Da qui nasce una possibile problematica di queste stufe: infatti, questo modello di stufa non funziona in caso di mancanza di energia elettrica e quindi, in questo caso, c’è il rischio che il fumo intasi il braciere e tenda a uscire all’interno dell’ambiente.

Per supplire a questo problema la soluzione migliore è quella di costruire un piccolo comignolo: in questo modo infatti, si verificherà un tiraggio e quindi un’espulsione dei fumi naturale, che potrà permettere alla stufa di funzionare anche senza energia elettrica. Inoltre sono disponibili in commercio degli appositi filtri, che possono essere installati sul terminale della stufa a pellet, per ridurre ulteriormente la quantità di fumi emessi (soluzione molto utile nella situazione in cui il terminale della stufa si trovi vicino ad altre abitazioni e si vogliano quindi evitare al massimo le emissioni inquinanti, per non arrecare disturbo ai vicini).

Inoltre, il fatto di non eliminare i fumi, porta alla conseguenza che la stufa a pellet senza canna fumaria emette una maggiore quantità di calore. Questo modello di stufa è quindi un’opzione interessante per tutte quelle situazioni (per esempio in condominio) in cui l’installazione di una normale stufa diventa impossibile, ma non si vuole rinunciare comunque al calore prodotto dalla stufa. Inoltre, la mancanza di canna fumaria, fa sì che i lavori di installazione siano molto semplici da effettuare.

Abbiamo visto come funziona una stufa a pellet senza canna fumaria: se vuoi avere altre informazioni su questo tipo di stufa, sui modelli e sui costi, contatta i nostri esperti, che sapranno rispondere alle tue domande e suggerirti la soluzione più efficace.

 

 

Contattaci

Contattaci per avere un semplice consiglio, un preventivo e/o un sopralluogo gratuito per trovare la migliore soluzione per le tue esigenze! Operiamo in tutta Italia.